E’ sempre più forte il grido d’allarme lanciato da Anva e Confesercenti, promotori di una denuncia che vede protagonista il lungomare di Salerno. Crocevia di ambulanti (fenomeno che, ormai, sembrerebbe “fuori controllo”) e spaccio di droga, quasi sempre localizzato nella corsia centrale della camminata, -a detta della Prefettura- il lungomare ed il suo monitoraggio non può essere competenza della sola polizia municipale, costretta a fronteggiare a ben 300 venditori abusivi.