Era ai domiciliari a Roccaraso, ma da ieri, per le continue infrazioni alle prescrizioni relative alla detenzione domiciliare è tornato in carcere. Si tratta dell’ex sindaco di Scafati, Angelo Pasqualino Aliberti, imputato dal tribunale di Nocera Inferiore per violazione della legge elettorale, con l’aggravante dell’articolo 7 (metodo mafioso) e per scambio elettorale politico-mafioso. Ieri, i carabinieri di Roccaraso hanno notificato all’ex primo cittadino il provvedimento di aggravamento della misura cautelare e lo hanno condotto nella casa circondariale de L’Aquila.