Si è conclusa la campagna di scavo nel Santuario di Hera alla foce del Sele che ha coinvolto il gruppo di ricerca della Federico II di Napoli. Le quattro settimane di scavo condotte da 15 giovani archeologi hanno consentito di recuperare il livello intatto dell’eruzione del Vesuvio del 79 d.C. e la fase di frequentazione di età classica.  Le novità più interessanti vengono dal prosieguo degli scavi dell’edificio più antico presente nell’area che è realizzato in blocchi isodomi e restituisce una planimetria rettangolare (24×33 m), perfettamente orientata Nord/Sud.