Il modo migliore per festeggiare il compleanno di una squadra di calcio è sicuramente una partita di calcio. Nel caso della Salernitana una partita di beach soccer, e se a partecipare sono le vecchie glorie il fascino è ancor più grande. Il palco è la spiaggia di Santa Teresa già adibita per la kermesse annuale del Torneo di Beach Soccer, evento storico capace di calamitare ogni anno l’attenzione di migliaia di sportivi e appassionati. Più di 2000 tifosi hanno colorato di granata gli spalti dell’arenile portando in dotazione un vero e proprio tifo da stadio, applaudendo divertiti l’ingresso di Grimaudo con una capriole ed esultando come in Curva Sud Siberiano al gol, neanche a dirlo, di Giovanni Pisano che ha aperto le marcature del pirotecnico 7-7 finale. In tanti hanno voluto esserci, in tanti hanno risposto presente al compleanno di Sua Maestà Salernitana.

C’era anche Stefano Colantuono ad assistere al match di vecchie glorie granata sull’arenile di Santa Teresa, teatri in questi giorni – e fino al 5 agosto – del popolare torneo di beach soccer. Organizzato dallo staff del torneo per celebrare il compleanno numero novantanove della Salernitana, l’evento ha visto una massiccia partecipazione di pubblico: oltre duemila persone sui gradoni dell’arenile cittadino per assistere all’inedita esibizione dei salernitani Cammarota, De Cesare, De Luca, Enzo Fusco, Saviello, Russo, il team manager granata Avallone, gli ormai “adottati” Efficie, Ferraro, Grimaudo (ovazione per lui all’ingresso con capriola sotto la… curva), Mounard e Senè ma anche Della Monica, Di Vicino, Incarbona, Pisano, Soviero, Rachini, Cudini e Tosto. C’era anche Gaetano Iossa, per lui solo presenze nelle giovanili granata.

Divisi in due squadre – una biancazzurra a strisce verticali, l’altra in granata – gli ex calciatori si sono sfidati sulla sabbia coinvolgendo curiosi e tifosi accorsi. Per i granata in gol Pisano (doppietta), Montervino, Tosto, Rachini, Grimaudo e autogol di Cammarota. Nei biancocelesti hanno segnato Ferraro (tripletta con tanto di capriola alla sua maniera, ndR), Di Vicino, Enzo Fusco, Saviello, Mounard.

Tra le presenze illustri, come detto, quella di mister Stefano Colantuono, che ha voluto approfittarne per assaporare l’aria di festa in città, lui che non vede l’ora di cominciare – stavolta dall’inizio – la stagione in granata. Il tecnico è in vacanza a Punta Licosa ed è tornato volentieri a Salerno anche per fare una sosta al Mary Rosy e verificare lo stato dei lavori di ammodernamento della struttura. Del resto, si partirà per il ritiro tra meno di un mese e la speranza è quella di poter chiudere l’annata con lo stesso clima di festa che si respira in queste ore. E non solo per il centenario.

 

Fonte: Solosalerno.it