Due novità importanti per b&b e attività extralberghiere arrivano dalla legge annuale di Semplificazione 2018 approvata dal Consiglio Regionale della Campania. Per quanto riguarda i b&b, sarà possibile aumentare da 3 a 4 camere e fino ad un massimo di 8 posti letto, rispetto ai 6 previsti in precedenza, la capienza delle strutture. Inoltre, saranno applicati criteri di premialità per la concessione di agevolazioni alle imprese che garantiscono la permanenza, il ripristino o il rinnovamento delle condizioni di vitalità e sostenibilità socio-economica, culturale ed ambientale, di qualità urbana, funzionale e prestazionale, nelle aree interne a forte rischio di spopolamento della regione, quali i comuni con popolazione inferiore a 5000 abitanti. I due emendamenti, approvati all’unanimità, erano stati presentati dal consigliere regionale Enzo Maraio.

In tema di turismo, infatti, secondo i dati forniti dall’Ente Provinciale per il Turismo, solo per la provincia di Salerno, risultano censite 1.750 strutture extralberghiere mentre sulle piattaforme di incoming ne risulterebbero più di 5mila. La presenza dei turisti stranieri è aumentata del 44,1%; sono cresciute del 69% le ricerche su Google attraverso le chiavi “turismo in Campania” e “dove dormire in Campania”.