La camorra mette le mani sul mercato ittico salernitano. La Direzione Distrettuale Antimafia ha chiuso il cerchio sull’inchiesta risalendo a 17 persone, tra cui esponenti dei clan di Castellammare di Stabia e Torre Annunziata. Tramite l’imposizione di dipendenti, gli indagati avrebbero preso il controllo di tre postazioni del comparto ittico di Salerno. Le accuse sono di riciclaggio e reimpiego di capitali illeciti per i membri dei clan e concorso in intestazione fittizia di beni per i complici.

(Jessica Fiorillo)