Traccia corrente

Titolo

Artista

Background

SVM – Veleno

Scritto da il

Lorenza Anceschi in arte SVM, descrive così il brano: “Veleno racconta della presa di posizione di un amante distrutto da un amore struggente, fondato su menzogne e comportamenti ambigui. Con questo testo, come in Nu sgarr, ho voluto proporre un inno all’indipendenza personale: un invito a liberarsi di coloro la cui presenza rappresenta solo un ostacolo al raggiungimento della serenità, la cui indecisione è causa di inquietudine, è un’esortazione ad eliminare le cose “tossiche” dalla nostra vita.”

SVM nata a Napoli il 25 marzo 1995, è una cantautrice e giornalista napoletana. Cresciuta tra Portici ed Ercolano, entrambe province partenopee, si trasferisce a Milano a 18 anni per intraprendere gli studi universitari. Il suo percorso artistico si sviluppa a partire dall’esigenza di proporre un connubio tra la cultura musicale “black” ed il folclore della piazza partenopea d’origine. Il 22 marzo 2019 esordisce nella scena hip-hop italiana con un singolo intitolato “Nun me ‘mporta”, prodotto da Larry Joule. A novembre 2019 firma un contratto discografico con Sony Music Italia e contemporaneamente si lega al Management Yalla Movement. Con Big Fish, storico produttore dei Sottotono, con il quale condivide l’amore per la musica Urban UK, comincia un interessante percorso di sperimentazione di nuove sonorità. Le ultime uscite “Nu sgarr” e “Addu me” ft. Livio Cori ne sono la dimostrazione. Nel progetto visual di SVM è evidente il viscerale rapporto tra musica e territorio. L’intento dell’artista e del suo team è quello di portare alla luce una nuova Napoli mai emersa tra il grande pubblico, una sorta di “Napoli velata” come la definisce l’artista stessa riprendendo le parole del regista Özpetek, che si basi sul dualismo tra sacro e profano.
VELENO
Ogg lassm sta, nun stong buon
Vogl sul ber: ramm n’atu bicchier
Sent sang’ sporc scorrer int’ ‘e ven
Pecché si velen, me fa mal ‘o cor

Me ric: “Vien ccà”
Ma tu stai allà c’a cap
E ancor ric “Statt n’atu poc”
Sai ca me tien fatt’ ‘int a stu iuoc
Ma già te sacc o vizij nun s’è luat, n’er ‘o final ch’ir sunnat

E mo nun chiagnere, vott sti lacreme

Stu con nun t’apparten, chesta vocca nemmen
E mo nun chiagnere, vott sti lacreme
Je e te c’amm fatt cchiu mal che ben
C’amm fatt cchiu mal che ben

Cu te nun durmev a nott
Cu chi stiv for’ a telefn l’or e je for’ pe’ te (n’ce verev)
Quanta bucie me cuntav
ricev facc ‘e cunt aropp si torn ma po’ stev llà (pesavn ‘e caten)

Me ric: “Vien ccà”
Ma tu stai allà c’a cap
E ancor ric “Statt n’atu poc”
Sai ca me tien fatt’ ‘int a stu iuoc
Ma già te sacc o vizij nun s’è luat, n’er ‘o final ch’ir sunnat

E mo nun chiagnere, vott sti lacreme

Stu con nun t’apparten, chesta vocca nemmen
E mo nun chiagnere, vott sti lacreme
Je e te c’amm fatt cchiu mal che ben
C’amm fatt cchiu mal che ben

E mo nun chiagnere
Nun te crer’ cchiù
Tu pe’ me si velen
C’amm fatt cchiù mal che ben

E mo nun chiagnere, vott sti lacreme
Chesta sera
Stu con nun t’apparten, chesta vocca nemmen
E mo nun chiagnere, vott sti lacreme
Je e te c’amm fatt cchiu mal che ben
C’amm fatt cchiu mal che ben

(FONTE:EPIC)


Scarica la nostra APP:

Taggato come