Traccia corrente

Titolo

Artista

Background

SVM – Dint’ O For’

Scritto da il

Lorenza Anceschi in arte SVM, è una cantautrice e giornalista napoletana, classe 1995. Cresciuta tra Portici ed Ercolano, entrambe province partenopee, si trasferisce a Milano a 18 anni per intraprendere gli studi universitari.

Muove i primi passi nel mondo della musica alla fine del 2018 ed il suo percorso artistico si sviluppa a partire dall’esigenza di proporre un connubio tra la cultura musicale “black” ed il folclore della piazza partenopea d’origine. Il 22 marzo 2019 esordisce nella scena hip-hop italiana con un inedito intitolato “Nun me ‘mporta”, prodotto da Larry Joule e oggi presenta il nuovo singolo “Dint’ o For’”. SVM descrive così il brano: “Nel testo di “Dint’ o For’”, in italiano “Dentro o fuori”, possono ritrovarsi tutte quelle persone che almeno una volta nella vita hanno vissuto una condizione sentimentale in cui il partner si è dimostrato poco deciso a fare un passo più concreto nei confronti della relazione, cercando di stare con “due piedi in una scarpa”, (da cui il titolo). La persona di cui si parla nel testo è un amante indeciso, sofferente, incapace di perdonare ed accettare che il passare del tempo spesso possa portare con sé radicali cambiamenti nei rapporti interpersonali. Un amante che talvolta si lascia trasportare dalla passione, ritornando sui propri passi per poi allontanarsi nuovamente, sopraffatto dal dolore provocato dal ricordo di un amore che probabilmente non sarà mai più lo stesso. Dolore che spesso traduce nella ricerca sfrenata di avventure dal basso coinvolgimento emotivo.”

Dint’ o for’

Affog e nun veg cchiù a luce

Cchiù me faje mal e cchiu si doce

Iesce cu chella e nun te piace

Ma cu sta capa quanno ce faje pace?

‘o saje ca sta cosa nun serv’

‘Maggia ‘mparat a me sta ferm’

A nun cercà semp’ ‘e cunferm’

E veloce me passa sta freva ‘e te

L’uocchie cagnano culor’

Ca si te veg’ chiagne ancor

E stu rilogio segna ll’ore

Je perz dint’ a sti parole

Ca me rice tu,

Ca nun me vuò cchiù

Quanno me vuliss ancor

Ca me rice tu,

Ca nun me vuò cchiù,

Mo decid: dint’ o for’

Senza ‘e me

Po’ pierd’ ‘a ragione,

Po’ te vuò sta sol’

e me puort ‘a stazion

e me rice vatten

Si tuorn llà dint’

‘O saje è nu labirint

ma cu sti ali ‘e cera

nun può fuì a chello ch’ sient’

Mo me bevo pure st’ata goccia

sto già ‘mbriaca, famm bere ancor

Nun penz’ a dimane

e si rimane po’ me suonn ancor

Nun perdo cchiù

Ma ch’ me faje tu?

L’uocchie cagnano cuore

Ca si te veg chiagne ancor

E stu rilogio segna l’ore

Je perz dint’ a sti parole

Ca me rice tu,

ca nun me vuò cchiù

quanno me vuliss ancor

Ca me rice tu,

ca nun me vuò cchiù,

mo decid: dint’ o for’

Senza ‘e me

(Fonte: Epic)


Scarica la nostra APP: