Traccia corrente

Titolo

Artista

Background

Fabiani difende Sannino: “Critiche prevenute ed esasperate, in campo vanno i giocatori”

Scritto da il

fabiani-sanninoUna sconfitta, quella di Cittadella, che non mette in discussione l’operato di Giuseppe Sannino. Almeno a detta della società, che s’è affrettata a blindarlo nelle ore successive alla gara persa sul prato del Tombolato di Cittadella. “Partiamo da un presupposto: il campionato di serie B è stranissimo – ha esordito il direttore sportivo della Salernitana, Angelo Fabiani, ai microfoni di Radio Bussola 24 –  Dietro di noi ci sono squadre come il Cesena ed il Novara. Il dato oggettivo è che non raccogliamo quello che meritiamo a causa di errori individuali. Siamo a 4-5 punti dai play-off, a 2-3 dai play-out. Dobbiamo continuare a lavorare e sperare che il lavoro venga ripagato dai risultati. Rosina? Ci aspettiamo qualcosa in più da tutti. Alessandro ha sempre fatto la sua parte e se si vuole essere costruttivi bisogna fare analisi a 360 gradi. La colpa non è di nessuno, né sua né di Sannino. Purtroppo non possiamo mettere in preventivo errori arbitrali, né che Coda e Donnarumma non buttano la palla dentro a tu per tu con il portiere, neppure che Tuia venga espulso in sette minuti. Per questo chiedo di non prendersela con il tecnico solo per partito preso. L’allenatore non va in campo. In campo vanno i calciatori che oggi, nonostante il tasso tecnico, non riescono ad esprimersi al meglio. E’ un periodo no per le punte, cosa c’entra Sannino? Credo ci sia una critica troppo esasperata nei suoi confronti – ha continuato Fabiani –  Qui nessuno è contento dei risultati, è fuori discussione. Però analizzando le partite si nota che questa squadra non ha praticamente mai subito gli avversari”.
E domenica allo stadio Arechi arriva la Ternana di mister Benny Carbone, per quello che si preannuncia già uno scontro diretto: “Mi aspetto che i calciatori si comportino da professionisti e non assumano gli atteggiamenti delle scorse partite e delle scorse settimane – il monito del diesse – Come ad esempio quelli di Alessandro Tuia. Bisogna essere concentrati e prestare attenzione, il campo dice questo. Il modulo? Non ha importanza, conta le occasioni da gol che abbiamo avuto in quasi tutte le gare. Siamo sempre stati superiori agli avversari, a prescindere dal modulo che non è un problema. Nel calcio la palla va buttata dentro. Da domani riprendiamo a lavorare, io sono sempre in discussione. Fa parte della vita, del lavoro. Credo però di aver operato con onestà e professionalità”.
www.solosalerno.it