Traccia corrente

Titolo

Artista

Background

XIX edizione Mediterraneo Video Festival ad Ascea

Scritto da il

mediterraneo-video-festivalLinguaggi e storie multiculturali sono gli ingredienti della XIX edizione del Mediterraneo Video Festival, il festival internazionale del cinema documentario mediterraneo, in programma dal 16 al 18 Settembre nel suggestivo scenario di Palazzo De Dominicis Ricci in via Roma ad Ascea. Dieci i film in concorso, tra italiani e stranieri, in gara per il premio al miglior documentario della 19° edizione del Festival del cinema documentario dedicato al paesaggio mediterraneo, con il sostegno del Comune di Ascea e l’Ente Parco Nazionale del Cilento, Diano e Alburni e il patrocinio del CICT UNESCO e dell ‘Università Popolare Medicina e Stili di Vita, con la direzione artistica di Maria Grazia Caso.
Il tema dell’edizione 2016 è il Paesaggio Condiviso. La conoscenza, la cultura , l’arte, l’ambiente e il loro rispetto caratterizzano il paesaggio, proponendone una evoluzione aperta.
Venerdi 16 settembre, alle ore 17, verrà inaugurata la mostra “di Vista ” con opere di Mario Ricci, Maryda Geraci e Pierpaolo Lista. A seguire, alle ore 18.40, si terrà il seminario “DOPPIO MAGMA. INTERFERENZE TRA CINEMA E ARTE CONTEMPORANEA” a cura di Alfonso Amendola. Un seminario tra suggestioni ed essenziali trame storiche per ricostruire condivisioni, contaminazioni, snodi, echi, rimandi e tracce scomposte tra i due linguaggi della visione.
Tra i film in concorso: Combats intimes di Francis Del Rio, Francia ; O Tremor di Oscar Vincentelli, Spagna; Cuatro postales a Marta, di Hernán Talavera, Spagna; L’isola del Sole Nero di Andrea Arena, Italia; El Submarine di Wenceslao Scyzoryk, Spagna; Finchè lassù c’è il sol di Elisa Bucchi, Nicola Bogo, Italia; L’acqua calda e l’acqua fredda di Marina Resta, Giulio Todescan, Italia; Il Segno del Capro di Fabiana Antonioli, Italia; Ogni opera di confessione di Alberto Gemmi, Mirco Marmiroli, Italia; Viriato di Gabriel Stanger, Spagna.