Traccia corrente

Titolo

Artista

Background

Oltre Radioterapia Pediatrica al Ruggi: sanità campana tra eccellenze e nuove sfide

Scritto da il

L’A.O.U. “San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona” di Salerno si è dotata di un nuovo reparto di Radioterapia Pediatrica. La struttura, edificata alle spalle dell’Aula “Scozia” dell’ospedale di via San Leonardo, è frutto della virtuosa collaborazione, a più livelli, tra istituzioni, associazioni no-profit e professionisti del settore sanitario.
Foto Silvio IrilliL’INTERVENTO – Nata da un progetto di OPEN Onlus (Oncologia Pediatrica e Neuroblastoma), la struttura ha trovato il suo decisivo slancio grazie alla valorizzazione ottenuta nell’ambito delle attività benefiche di “30 ore per la Vita”. La tempestività dell’azione amministrativa ha fatto il resto, rendendo possibile un progetto d’indubbio valore sociale e di forte impatto per il territorio salernitano (e non solo).
LE NOVITÀ – Sono almeno tre gli spunti alla luce dei quali va analizzato questo “nuovo arrivo” nella sanità locale. Primo tra tutti: i 30 posti letto ricavati nella nuova struttura costituiscono un’assoluta novità, anzitutto perché aggiungono una cosiddetta “alta specialità” ad un contesto di sanità locale che ne era sprovvisto. Secondo spunto rilevante: le famiglie dei piccoli pazienti non saranno costrette, nel prossimo futuro, a sobbarcarsi i costi delle cure fuori sede e delle estenuanti trasferte. Terzo, e più sottile, profilo di lettura: un simile intervento (realizzato, peraltro, nel pieno rispetto dei termini temporali), può esser letto come la prova di un Sud eccellente, efficiente e competitivo. Stimolato proprio su questi argomenti, interviene ai nostri microfoni il dott. Enrico Coscioni, cardiochirurgo salernitano e consigliere regionale di maggioranza.

ECCELLENZA E SFIDE FUTURE – Quest’ultima chiave di lettura apre, dunque, alla possibilità di riscattare la Campania, in tema di sanità pubblica, agli occhi dell’Italia. 13327458_666013906870152_5678907472718877330_nIstituzioni, associazioni e professionisti hanno sperimentato, cioè, un modello  virtuoso di Welfare, sul quale impostare in futuro un miglioramento dell’offerta assistenziale di base. Ne è convinto fortemente il primario di Neurochirurgia Pediatrica all’A.O.R.N. “Santobono Pausillipon” di Napoli, dott. Giuseppe Cinalli, intervenuto con entusiasmo sul tema.

Allo stato attuale, l’agenda politica della sanità in Campania presenta sfide complesse, relative ai criteri di ripartizione del Fondo Sanitario e ad una massiccia – ma necessaria – tornata di assunzioni, per ristabilire gli standard minimi di assistenza, imposti dalle normative sul tema.
LE ALTRE VOCI – Voci di plauso giungono anche da fonti dell’ospedale “Ruggi”; ecco come si esprime sul merito il dott. Davide Di Gennaro, primario del neonato reparto di Radioterapia Pediatrica.

Cauto ottimismo traspare anche dalle dichiarazioni rilasciate ai nostri microfoni dal Sindaco ff, Vincenzo Napoli.

Non c’è miglior chiosa di quella che ci regala la showgirl Lorella Cuccarini, storica madrina di “30 ore per la vita”, intervenuta di persona proprio all’atto dell’inaugurazione del nuovo reparto.

(Alessandro Gammaldi)