Traccia corrente

Titolo

Artista

Background

Sabato si gioca per la salvezza, Zito sarà l'unico titolare

Scritto da il

imageSabato sarà Antonio Zito l’unico titolare nella Salernitana tra quelli ingaggiati nel mercato di riparazione. Menichini, un po’ per scelta ma soprattutto per contingenze che vanno al di là delle mere preferenze tecniche, sarà costretto a varare un undici impregnato di “vecchia guardia”, giocandosi la salvezza – di fatto – quasi con gli stessi uomini che ebbe a disposizione il suo predecessore Torrente nella prima parte di stagione. A onor del vero bisogna aggiungere anche Nalini e Tuia, peraltro superstiti finanche della promozione in B, che però hanno interamente saltato li primi sei mesi di campionato, non potendo essere a disposizione a causa dei rispettivi infortuni.
E così dei nove calciatori ingaggiati nel mercato invernale, con la discesa in campo diretta e conclamata di patron Lotito, soltanto uno sarà della partita dall’inizio, il buon Zito. Spesso subentrato, stavolta sarà titolare a prescindere dall’assenza di Oikonomidis: 17 presenze e un gol in granata per l’ex irpino, che nell’accettare Salerno a gennaio ha fatto una scelta convinta, incentivata anche dall’importante triennale che gli resterà in dote alla fine della stagione. Menichini ha bisogno degli attributi del classe 1986, della sua capacità di sostenere la pressione di partite da dentro o fuori come i playout, anche di un po’ di sana sfrontatezza. Senza esagerare, però.
Zito, si diceva. Degli altri si sono perse le tracce tra Nazionali, infortuni e qualche incomprensione. Cambiare tanto per cambiare ben poco, non certo volendo ma… è andata proprio così. A disposizione sabato ci sarà Leonardo Gatto, pronto a dare il suo contributo: un gol, preziosissimo (A Novara) in 17 match per l’ex vicentino, che anche contro il Lanciano sarà un’arma importante da gettare nella mischia a gara in corso. Dovrebbe essere convocato – riferendoci agli acquisti di gennaio – pure Ronaldo Pompeu da Silva: solo 9 apparizioni e tanti acciacchi fisici a centrocampo per lui, proverà a stringere i denti ed essere disponibile per la panchina sabato. Qualcosina in più ha fatto Bus, 11 gare e 1 gol contro l’Entella all’Arechi: il romeno mostrerà grande professionalità sabato mattina, quando prenderà un aereo dalla Romania.
E poi, gli indisponibili. Chris Oikonomidis è stato solo l’ultimo ad entrare nell’elenco degli indisponibili, con le recentissime polemiche che l’hanno investito dopo la decisione di restare in Australia con la sua Nazionale per il doppi test amichevole contro la Grecia: Iko si è tuttavia rivelato il terzo più presente degli innesti di gennaio, totalizzando 14 gettoni e un gol, assieme a Luca Ceccarelli, la cui stagione è finita. Tornerà per fine prestito al Bologna dopo 14 match in cui ha mostrato sicuramente buona volontà, pagando alla lunga però l’inattività di sei mesi dal punto di vista fisico. Il più decisivo è stato però Ricardo Bagadur, che con i suoi due gol in 11 gare ha regalato quattro punti alla Salernitana, sempre allo scadere (vittoria a Cesena e pareggio ad Ascoli). Da “Chi l’ha visto?” invece le prestazioni di Mamadou Tounkara(mai 90′ di fila e sole 3 deludenti apparizioni), per non parlare di Franjo Prce, difensore mai sceso in campo anche a causa della pubalgia da cui, però, è perfettamente guarito da un paio di mesi.
Cosa hanno in comune gli ultimi otto nomi elencati? Tutti in prestito e non di proprietà del club granata: Bus dovrebbe rientrare allo Sheffield Wednesday, Gatto è dell’Atalanta, Ronaldo invece andrà alla Lazio, che l’aveva prelevato dall’Empoli per girarlo in Campania. A Formello torneranno pure Prce, Tounkara e Oikonomidis. Ceccarelli, come detto, farà rientro a Bologna e Bagadur alla Fiorentina.
www.solosalerno.it