Traccia corrente

Titolo

Artista

Background

"Gambrinus 1900": Gaetano Stella stasera protagonista al 'Delle Arti'

Scritto da il

Gambrinus-per-sito“Gambrinus 1900 – omaggio a Salvatore Di Giacomo” al ‘Delle Arti’ di Salerno

Gaetano Stella, autore e regista: “Grazie a TeatroNovanta, realizzo il sogno di una vita”


Quarto ed ultimo appuntamento della rassegna “Napul’è Mille Culure”, firmata da TeatroNovanta, diretta da Serena Stella ed Alessandro Caiazza: questa sera alle 21, al Teatro delle Arti di Salerno andrà in scena la commedia musicale di Gaetano Stella, “Gambrinus 1900 – omaggio a Salvatore Di Giacomo”, con la collaborazione, nella scrittura, di Ciro Villano. A comporre la colonna sonora, le più belle canzoni classiche napoletane, interpretate dal vivo.

Gaetano Stella

Gaetano Stella

Il Gambrinus, a Napoli, nel primo ‘900, non fu un semplice Caffè: fu luogo di cultura, nel quale si ritrovavano intellettuali, artisti, cantanti, compositori e politici. “Salvatore Di Giacomo, il mio preferito – commenta Stella – è il filo conduttore per tutte le canzoni napoletane”. Saranno due, infatti, i grandi protagonisti della serata: il poeta e drammaturgo napoletano insieme con tutti gli artisti che gravitarono intorno alla sua figura e i componimenti musicali della città di Napoli, capitale della cultura del 1900. A far da sfondo allo spettacolo, il tormentato rapporto tra Di Giacomo con la giovane moglie Elisa Avigliano, originaria di Nocera Inferiore (Sa) e il fascino dei tanti aneddoti che fanno parte della storia leggendaria delle melodie partenopee. “Aneddoti, spesso sconosciuti – ricorda Stella – che mi sono stati raccontati da Alfonso Andria e che, insieme con la mia esperienza maturata al seguito di Roberto Murolo, impegnato, in quei tempi, in un recital, hanno contribuito a far sì che mi innamorassi della storia e della cultura partenopea”.

Nella rappresentazione non mancheranno riferimenti alla ‘salernitanità’ di Di Giacomo, il quale – complici le origini della consorte – conosceva bene e amava Salerno.

Grazie alla spinta emotiva di Elena, mia moglie – conclude Stella – porterò sul palco una commedia musicale che farà sentire tutti orgogliosi di appartenere alla cultura musicale campana”.

(comunicato stampa)