Traccia corrente

Titolo

Artista

Background

Leonardo Menichini replica alle accuse – Radio Bussola 24

Scritto da il

menichini-radiobussola

“Che si dice a Salerno? Chi abbiamo preso oggi come allenatore?”. Leonardo Menichini usa l’arma dell’ironia per replicare alle accuse mossegli da Angelo Mariano Fabiani la scorsa settimana. Il tecnico alimenta la guerra fredda a distanza con il diesse granata, sintomo di un rapporto ormai ai minimi termini e difficilmente sanabile: “Ora mi si fa passare per uno che non gestiva bene il gruppo. Strano, molto strano: se c’era un complimento per Leonardo Menichini, era la capacità di lasciarsi scivolare tutto addosso, gestendo bene gli uomini e le risorse. Poi all’improvviso, ecco le lamentele, le frecciate continue. E’ stato fatto riferimento a certe confessioni alle quali il sottoscritto si sarebbe lasciato andare contro il gruppo o una certa parte, all’uscita dagli allenamenti. Per quanto mi riguarda, buongiorno e buonasera. Non capisco cosa ci fosse da rivelare o da ingigantire, nel bel mezzo di un campionato che ci vedeva invece tutti i protagonisti”. Una partita a scacchi in cui Menichini  attende sornione la prima mossa da parte della società: “Aspetto che mi convochino i presidenti. Sono l’allenatore della Salernitana fino al 30 giugno e lo sarò ancora, per quanto mi riguarda. Ovviamente poi decide la proprietà e se non vado più bene me lo comunicherà. Il mio contratto è lì: non devo rinegoziarlo, non devo farlo vidimare da professionisti o da chicchessia. Se lo facessi, significherebbe che non credo alla bontà di ciò che ho firmato ed alla serietà e alla solidità di chi me l’ha proposto. Invece sono un dipendente della Salernitana che è un club forte e ben diretto, sono contento di averla allenata, voglio continuare a farlo. Se non avessi avuto in mano la gestione del gruppo e la stima dei calciatori, non credo che saremmo arrivati a realizzare ottanta punti. I record, le vittorie, i punti, questi non può togliermeli nessuno”. Menichini replica anche alle bordate di Alessandro Tuia, che aveva criticato la gestione del gruppo da parte del tecnico toscano con cui avrebbe avuto aspri battibecchi: “Tuia alla prima giornata era titolare e l’ho fatto giocare al posto di un certo Lanzaro. Poi ha anche sostituito Trevisan. Ci sta che in una squadra chi giochi meno si lamenta. Hanno giocato meno Pezzella, Bovo, a un certo punto Trevisan e Pestrin quando ho fatto alcune scelte. Ma io ho sempre parlato chiaro: non ho figli né figliastri, decido in autonomia. Finché ci sono stato e finché ci sarò, fidatevi, sarà sempre così”.

www.solosalerno.it