Traccia corrente

Titolo

Artista

Background

Il  sesto anno di Gruppo Eventi ai Premi David di Donatello

Scritto da il

Il ConIMG_3474sorzio presieduto dal salernitano Vincenzo Russolillo quest’anno curerà la produzione tecnica e l’ hospitality. Si scrive Gruppo Eventi, si legge hospitality. Quella promossa dal Consorzio presieduto da Vincenzo Russolillo è un’accoglienza a misura di evento, ormai conosciuta e apprezzata in tutte le più importanti rassegne legate al mondo del cinema, della cultura e dello spettacolo. Tra queste non poteva mancare la cerimonia dei “David di Donatello”, tra i più antichi e prestigiosi premi cinematografici italiani ed europei, presentata stamane in Rai alla presenza del Direttore di Rai Uno Giancarlo Leone, il Presidente del Premio Gian Luigi Rondi e il conduttore dell serata Tullio Solenghi e che andrà in onda su Rai Movie il prossimo 12 giugno.

Dopo Casa Sanremo, i Nastri d’Argento, il Giffoni Film Festival, la Casa di Miss Italia a Jesolo, il Venezia Movie Lounge e il Concerto di Natale in Vaticano, il Gruppo Eventi si prepara dunque anche quest’anno per il sesto anno consecutivo, ad un altro importante appuntamento, i Premi David di Donatello. La produzione della prestigiosa cerimonia di premiazione è a cura dell’Accademia del Cinema Italiano presieduta da Gian Luigi Rondi, affiancati per la parte tecnica da Gruppo Eventi che firmerà oltre alla scenografia realizzata dal lucano  Mario Garrambone, anche la prestigiosa hospitality, un’area elegante, ben rifinita e attrezzata all’interno della quale attori, artisti, addetti ai lavori e giornalisti troveranno uno spazio accogliente e funzionale che mette insieme le eccellenze enogastronomiche del territorio, selezionate da Dispensa Italiana, con la indiscussa professionalità di importanti marchi e prodotti italiani.  “Grazie al rapporto di stima e fattiva collaborazione in questi anni con il Presidente Gian Luigi Rondi e l’Accademia del Cinema Italiano – afferma Vincenzo Russolillo – quest’anno la presenza del Consorzio Gruppo Eventi ai David di Donatello si rafforza e consolida ulteriormente. L’auspicio è che il Premio continui a rinnovarsi mantenendo inalterata la sua cifra distintiva che lo colloca tra gli eventi che più caratterizzano la nostra identità culturale”.