ENTRA IN CHIESA E FRANTUMA UNA TECA DELL’ALTARE, ARRESTATO DAI CARABINIERI

Chiesa sant'alfonso maria pagani
I Carabinieri della Sezione Radiomobile e della Stazione di Nocera Inferiore, congiuntamente a quelli della Tenenza di Pagani, hanno tratto in arresto un 26enne cittadino marocchino poiché resosi responsabile di resistenza a Pubblico Ufficiale, lesioni personali e danneggiamento.
Il giovane, già noto alle Forze di Polizia in quanto affetto da problemi di natura psichiatrica, nella mattinata odierna è entrato nella chiesa di Sant’Alfonso Maria de’ Liguori a Pagani ove, in stato confusionale, ha dapprima aggredito il sacrestano provocandogli lesioni per poi scagliarsi contro una teca in vetro posta sotto l’altare e contenente una statua della Madonna, frantumandola a calci. Al momento del tempestivo intervento degli uomini dell’Arma che cercavano di riportarlo alla calma, il 26enne non ha esitato a scagliarsi anche contro di essi ferendone uno in modo lieve. Bloccato, non senza difficoltà, in piena sicurezza, il giovane è stato condotto presso il Reparto Territoriale Carabinieri di Nocera Inferiore ove è stato tratto in arresto e posto a disposizione della locale Procura della Repubblica in attesa di essere giudicato con la formula del rito direttissimo previsto per la giornata odierna.